La Regione

Il nome Israele, attribuito da Dio a Giacobbe nel capitolo 32 (vv. 28 – 31) della Genesi, significa “colui che ha conteso con Dio”. Giacobbe era l’antenato comune alle dodici tribù di cui si narra nel libro dell’Esodo. Il termine Israeliti, che si ritrova nella Bibbia, definisce i discendenti di Giacobbe e dunque coloro che appartengono alla religione ebraica, ovvero alla sua cultura e tradizione. Il termine Ebreo in lingua ebraica pare significare “ che proviene dal di là del fiume” (Eufrate probabilmente). Tale termine si afferma a partire dal 1800.

Il nome Israele oggi indica l’entità geografica e politica dello Stato di Israele, che si è costituito nel 1948; il termine Israeliani indica i cittadini dello Stato di Israele.

Il nome Palestina deriva dal nome della popolazione dei Filistei. Divenne di uso comune in epoca romana (I secolo a.C.) per indicare il territorio ad Ovest del fiume Giordano e in continuità con la Fenicia. Anche gli Arabi, che nel VII secolo d.C. conquistarono la regione, adottarono questo termine. Più recentemente (1922), il termine Palestina indicò la regione amministrata dal mandato britannico ad Ovest del Giordano, fu poi rivendicato per indicare il territorio abitato dalla popolazione arabo – palestinese.

Nel quaderno operativo “Studiare il coraggio della pace” usiamo spesso il termine “Palestina” per indicare la zona geografica nella quale sono presenti sia lo Stato di Israele, sia i Territori “contesi” di Cisgiorania e Gaza che, in base agli accordi di Washington del 1993, diventeranno sede di Autonomia palestinese.

(tratto da Studiare il coraggio della pace” Quaderno operativo ed. SIT Dosson di Casier (TV) 1996.

Israele, Palestina, Giordania
Le scuole del Patriarcato Latino

Latin Patriachate School of Jerusalém (LPJ: Israele, Palestina, Giordania

Il sistema scolastico palestinese prevede un ciclo di istruzione di base per tutti: la Scuola primaria, dalla1ª alla 6ª classe, (dai 5 ai 11 anni); la Scuola secondaria: classi 7ª, 8 ª, e 9 ª, (dai 12 ai 15 anni); la Scuola superiore: classi 10ª, 11ª, 12 ª, (dai 15 anni ai 17anni). In tutte le sedi scolastiche funziona la Scuola dell’Infanzia e la Scuola primaria, mentre solo nei centri più grandi sono presenti anche la Scuola secondaria e il triennio superiore fino al diploma (Tawjihi). Tutte le scuole sono miste e interconfessionali.

  1. Rameh, nella regione di Galilea, in Israele, è un centro di 7.000 abitanti, situato a una ventina di chilometri da Tabga, sulla statale che congiunge il lago di Galilea con il Mar Mediterraneo. Il 55% degli abitanti sono cristiani, il resto drusi. Tra i cristiani vi sono greco-ortodossi, melchiti e per un terzo latini. La scuola secondaria di Rameh è frequentata da 656 studenti, cristiani, drusi e musulmani.
  2. Nella località di Giaffa di Nazareth, opera l’intero ciclo scolastico fino al diploma. Dal 1959 al 2001 la parrocchia fu retta da don Sante Visentin, italiano originario di Oderzo (TV), che edificò la scuola e consolidò la vita parrocchiale dei cristiani. La scuola secondaria è frequentata da 505 studenti, cristiani, drusi e musulmani.
    Nella nuova Palestina, Ramallah, si trova leggermente a nord di Gerusalemme con la quale è collegata tramite una strada a doppia corsia con una rotatoria e due posti di controllo: uno palestinese da un lato e uno israeliano dall’altro. Ramallah, in lingua araba “sposa della Palestina” è sede del parlamento palestinese e ha circa 27mila abitanti. Nel distretto scolastico di Ramallah si trovano i villaggi di Taybeh, di Jifna e di Bir Zeit.
  3. A Taybeh, villaggio ancora interamente cristiano, la scuola secondaria è frequentata da 379 studenti, cristiani e musulmani dei villaggi intorno.
  4. A Jifna è presente solo la scuola primaria fino a 11 anni, frequentata 103 studenti cristiani e musulmani dell’area intorno.
  5. A Bir Zeit, dove è presente l’intero ciclo scolastico, la scuola secondaria è frequentata da 410 studenti cristiani e musulmani.
    Nell’area palestinese della regione di Samaria, nelle città di Nablus e di Zababdeh le scuole sono presenti con l’intero ciclo scolastico fino al diploma. Nablus, antica Sichem, poi Naplusa, ha una popolazione di 135.000 abitanti, ed è capoluogo del Governatorato omonimo la cui area conta circa 336.380 abitanti, comprendendo tutti i villaggi del Nord.
  6. La scuola di Nablus – Rafidia è frequentata da 562 studenti, cristiani e musulmani.
  7. La scuola di Zababdeh iniziò nel 1885 durante il periodo ottomano. Oggi LPJ comprende l’intero ciclo scolastico fino al diploma ed è frequentata da 998 studenti, cristiani e musulmani:
  8. In Giordania, Fuheis è una cittadina a maggioranza cristiana, situato a circa 15 km a nord-ovest di Amman. La Scuola primaria ha 489 studenti; la secondaria ha 546 studenti; la Scuola dell’Infanzia ha 59 studenti.

Italia
Le scuole statali a Treviso e dintorni

Il sistema scolastico italiano prevede l’organizzazione delle scuole di base in Istituti Comprensivi (IC) distribuiti nel territorio e comprendenti le scuole di più comuni limitrofi.

Sono parte degli istituti comprensivi la scuola dell’Infanzia (3-6 anni), la scuola primaria (6-11 anni), la scuola secondaria di 1° grado (11-14 anni).

Nella Regione Veneto, il Comune di Treviso occupa una superficie di 55 Km2 e conta 83.000 abitanti.
La città è capoluogo di provincia.

  1. A Treviso, nel quartiere di S. Liberale, la scuola secondaria di primo grado L. Coletti è frequentata da113 alunni e alunne.
    Fa parte dell’IC5 Coletti che comprende anche la scuola primaria e secondaria del quartiere di S. Bona.


  2. Sulla strada Castellana, a 15 chilometri dalla città di Treviso, Paese è un Comune con 21.700 abitanti.
    L’IC “Casteller” Paese è composto da due sezioni di scuola secondaria di 1° grado, sei sedi di scuola primaria e una scuola dell’infanzia.
    La scuola secondaria “Casteller” è frequentata da 770 studenti.


  3. La scuola primaria “Pravato” è frequentata da 300 alunni e alunne.

  4. A 10 chilometri da Treviso, Lancenigo è una frazione del Comune di Villorba che conta 17.660 abitanti.
    La scuola secondaria di 1° grado “A. Manzoni” è frequentata da 570 alunni e alunne.


  5. Sulla strada Pontebbana, il Comune di Vazzola ha 6.900 abitanti.
    La scuola secondaria di 1°grado “Cadorin” è frequentata da 186 alunni e alunne e fa parte dell’IC di Mareno e Vazzola.


  6. Sulla strada Callalta, il Comune di San Biagio di Callalta dista 13 chilometri dalla città di Treviso e ha 12.900 abitanti.
    Nella frazione di Olmi di San Biagio di Callalta, la scuola primaria “San Giovanni Bosco” è frequentata da 170 alunni e alunne.


  7. La scuola primaria “Montale” a San Biagio di Callalta è frequentata da 140 alunni e alunne.

  8. A Treviso, nella prima periferia della città, in direzione della strada Callalta si trova la scuola primaria “G. Ciardi”, frequentata da170 alunni e alunne.
    Fa parte dell’ICTV4 “Stefanini”, composto da una sezione di scuola secondaria di 1° grado, cinque sezioni di scuola primaria e una sezione di scuola dell’infanzia.
Israele Palestina Giordania

1
2
3
4
5
6
7
8
1

IC5 Coletti

2

Scuola primaria “Pravato”

3

I.C. “Casteller”

4

Scuola secondaria di 1° grado “A. Manzoni”

5

Scuola secondaria di 1°grado “Cadorin”

6

Scuola primaria “San Giovanni Bosco”

7

Scuola primaria “Montale”

8

Scuola primaria “G. Ciardi”

Scarica / visualizza il powerpoint “Perchè sostenere le scuole”