Strumenti per la ricerca

Strumenti per la ricerca

La registrazione su foglio elettronico predisposto

Frequenza degli incipit – 1999

Mette in evidenza la frequenza delle risposte preferite da ciascun alunno, in modo da poter osservare sul totale delle preferenze, le aree di lavoro in cui intervenire negli anni successivi. L’area individuata è stata la conoscenza e riflessione sulla propria identità personale famigliare sociale, favorita attraverso lo scambio di strumenti metodologici didattici predisposti nei diversi contesti cognitivi e relazionali, significativi per ciascuno e per gli altri.

I risultati hanno motivato la scelta di coinvolgere le scuola a valorizzare questo aspetto del lavoro.

Il Differenziale semantico – 2017

Serve a monitorare la variazione degli atteggiamenti degli studenti rispetto ad un oggetto di indagine scelto. Osservare se è avvenuto uno spostamento, in quale direzione è avvenuto e con quale intensità è cambiato l’atteggiamento degli alunni rispetto ad una certa parola chiave, scelta dagli insegnanti, come indicatore privilegiato dell’efficacia formativa del percorso di apprendimento.

Al termine del percorso insegnanti ed alunni saranno interessati ad osservare i propri cambiamenti, sia nel verso desiderato, sia in quello opposto. Questo strumento è stato applicato nel programma di didattica delle storie.

Incipit e dimensioni – 2019

Osserva i dati di frequenza e priorità indicati nelle scelte mettendoli in relazione con alcuni tratti degli atteggiamenti degli studenti – autostima, senso del dovere, cura delle relazioni, aspettative (dimensioni). Osserva nel testo le caratteristiche testuali delle informazioni scelte all’interno della lista predisposta (incipit).

La lettura dei dati favorisce la crescita della consapevolezza di ciascuno studente all’interno della propria classe scolastica ed è per l’insegnante è uno strumento che può contribuire alla valutazione in progress. Inoltre la scelta di presentare i dati all’interno di un’occasione comunicativa relazionale locale ed estera favorisce l’individuazione di alcune mete di orientamento.

Lettura e scrittura multiculturali

Lettura e scrittura sono multiculturali in situazione multiculturale.
Le ragioni di un impegno di lettura e scrittura multiculturali sono da ricercare nell’aspirazione ad un futuro di convivenza consapevole.
Come buona prassi dell’insegnamento, la lettura e la scrittura multiculturali, escono perciò dall’eccezionale e dall’emergenza e organizzano in modo stabile la capacità di considerare la presenza di soggetti di cultura diversa, indipendentemente dal momento del loro arrivo, indipendentemente dal loro numero e perfino indipendentemente dalla loro effettiva presenza o distanza.
Le scelte multiculturali, a nostro avviso, precedono l’accoglienza e non dipendono dalla “bontà” degli immigrati, ma dalla corretta impostazione dell’insegnamento per tutti.

Il contesto nel quale abbiamo deciso di impegnarci è stato la corrispondenza di scrittura tra alcune delle nostre classi scolastiche in Italia e altre classi scolastiche in Israele e Palestina, modalità di lavoro favorita dai contatti frequenti che abbiamo potuto avere negli anni dal 1998 a oggi, attraverso le associazioni impegnate nel progetto Meta.

L’idea che ci ha sostenuto è che fosse possibile mantenere aperto un canale di comunicazione con gli studenti, attraverso la mediazione educativa e didattica degli insegnanti con i quali predisporre, realizzare e verificare le attività di insegnamento e la produzione degli alunni.

Questo tipo di lettura e di scrittura multiculturali hanno implicato, secondo noi, almeno tre diversi tipi di impegno:

  •  un impegno motivazionale che mettesse in movimento il desiderio di conoscere;
  •  un impegno cognitivo, emotivo ed affettivo, che investisse l’apprendimento consapevole;
  •  un impegno sociale in ciascun contesto teso alla cooperazione per il cambiamento.

L’immagine visiva che ci ha guidato è stata il mosaico del VI secolo, conservato nella città di Madaba, in Giordania, ritenendo interessante l’immagine di Gerusalemme, come appare nel mosaico, dove i frammenti trattengono l’impronta di molte e diverse esperienze di vita e sono il segno di ferite rimarginabili.

Lettura e scrittura multiculturali si occupano di insegnare a leggere e a scrivere in più percorsi educativi, in relazione alla pluralità degli aspetti che ciascuna identità culturale riunisce in se stessa e alla storia di ogni alunno e a quella che egli ha in comune con altri.
Rispondono alla domanda di ricevere informazioni più accurate e più precise circa l’intenzionalità della comunicazione che è veicolata dalle abilità di lettura e scrittura nel contesto, e circa l’aspettativa degli interlocutori.
La lettura e la scrittura multiculturali studiano i tratti modificabili delle competenze e delle relazioni, nell’idea che le convinzioni si modifichino aumentando sia l’apprendimento sia le relazioni significative.